Rifugio Castelberto: uno dei più bei trekking della Lessinia

rifugio montagna Lessinia

Appena l’afa comincia a farsi sentire, il Parco Regionale della Lessinia è sempre la scelta giusta. E noi siamo sempre pronti a consigliarvi una gita in giornata semplice ma appagante. Questa volta vi portiamo al Rifugio Castelberto, in località Erbezzo (Verona) al confine tra Veneto e Trentino. Un luogo di grande importanza storica oltre che naturalistica.

 

Raggiungibile con un semplice trekking adatto a tutta la famiglia, il Rifugio Castelberto, in Alta Lessinia, è un luogo imperdibile e paradisiaco circondato dalla bellezza delle montagne che offre cucina tipica con piatti tradizionali del Territorio Veneto.

panorama di montagna

 

Rifugio Castelberto: storia e attualità

Il Rifugio Castelberto un tempo era una caserma della Prima Guerra che oggi è stata fedelmente ristrutturata. E’ ubicato a 1765 mt s.l.m. a Castelberto, nel comune di Erbezzo in provincia di Verona. Si trova nel confine più a Nord dei Monti Lessini al confine con il Trentino Alto Adige. Arrivando nel sentiero si possono ancora vedere resti di trincee risalenti alla Grande Guerra. Mentre a pochi passi dal rifugio c’è un osservatorio formato da un piedistallo in metallo dove si possono imparare i nomi delle vette circostanti e le loro altitudini.

Attorno al 1970 la famiglia Scandola originaria di Erbezzo decise di acquistare e restaurare la ex caserma trasformandola nel rifugio escursionistico Calstelberto.

Ciò che cattura l’attenzione all’arrivo al rifugio è il magnifico panorama che spazia dalla Val d’Adige e la Val dei Ronchi, alle vicine cime dei monti Carega e Pasubio. Dal rifugio si può vedere tutta la Lessinia, ma anche il lago di Garda e la Valpolicella. A Nord svettano le Dolomiti del Brenta, Paganella e Bondone. Mentre a Ovest è visibile il Monte Baldo e la Presanella. Il rifugio Castelberto offre piatti tipici del Territorio dell’Alta Lessinia come salumi e formaggi locali, gnocchi cimbri, polenta con funghi o spezzatino, carne salada e dolci tutti rigorosamente fatti in casa.

Per sapere le condizioni meteo in tempo reale sul sito del rifugio trovate una sezione con scritto webcam: ne trovate una a 360° sul territorio circostante e una con visibilità sul Monte Baldo; e una sezione sotto alla dicitura “Stazione meteo”.

 

Prenotazioni

Se volete pranzare o cenare al rifugio Castelberto non è necessaria la prenotazione all’aperto, ma solo all’interno. Normalmente è prenotabile anche una piccolissima baita molto intima fuori dal rifugio chiamata “Castelbertino”. Telefonate per avere maggiori informazioni.

Contatti

 

Trekking al Rifugio Castelberto: info utili

 

DIFFICOLTA’: facile

DISLIVELLO: 150 mt

PASSEGGINO: sì (meglio se da trekking)

 

Raggiungere a piedi il Rifugio Castelberto è molto semplice e richiede una passeggiata di circa un’oretta con pochissimo dislivello. La strada per raggiungerlo non è asfaltata ma percorribile facilmente con passeggino da trekking.

 

Come raggiungere il Rifugio Castelberto

Al Rifugio Castelberto si può arrivare comodamente in auto (scelta meno consigliata e meno green) dal 1 Giugno al 30 Settembre dalle 19 all’una di notte. In tutti gli altri periodi dell’anno e negli altri orari bisogna parcheggiare a circa un chilometro dal rifugio per poi proseguire a piedi.

 

Ecomuseo delle Trincee di Malga Pidocchio della Grande Guerra

Lungo il sentiero per raggiungere il Rifugio Castelberto, tra i pascoli e i prati sconfinati sulla destra si incontra un sito storico naturale risalente alla Prima Guerra Mondiale. Si tratta di ammassi di roccia modellati dalla natura che ci riportano indietro al tempo dei soldati che sfruttando la forma di questi grandi sassi crearono in questo luogo un fortino formato da gallerie, corridoi e caverne. Si tratta delle trincee di Malga Pidocchio. Dove ancora oggi si possono vedere stanze, dormitori, cucine, e trincee.

Attenzione: in questo sito storico per rispetto non si possono fare picnic.

 

Dove parcheggiare per il trekking

Punto di partenza ideale per raggiungere il rifugio Castelberto è Malga Lessinia dove si può parcheggiare ma anche fare sosta enogastronomica di qualità.

 

Il Rifugio Malga Lessinia: ottimo punto di partenza

rifugio malga

 

Il Rifugio Malga Lessinia si trova a 1616 mt slm ed è un ottimo punto di partenza sia per raggiungere il Rifugio Castelberto sia per fare altri bellissimi trekking alla scoperta della zona circostante. E’ un altro punto di riferimento storico della Lessinia. Inizialmente la malga venne costruita per ospitare truppe e finanzieri che lavoravano lungo il confine austroungarico della Grande Guerra che si trovava a poca distanza. Dopo la fine della guerra rimase inutilizzata fino al 1945, quando la struttura venne trasformata in malga per l’alpeggio ed è rimasta poi inalterata fino ai nostri giorni. Ad oggi qui vengono prodotti e venduti prodotti caseari.

Anche qui sia in estate che in inverno si può fermarsi a mangiare per assaggiare prodotti tipici della zona. Nel periodo invernale il Rifugio si può raggiungere solo a piedi o con le ciaspole con partenza da località Passo Fittanze (Erbezzo, Verona) o da località Spazzacamina (Erbezzo, Verona). Il primo sentiero è lungo circa 5 km, mentre il secondo circa 4 km. per il  secondo. Nel periodo estivo si rendono praticabili tutti i sentieri che si stendono nella zona. Il rifugio non è servito da allacciamento a corrente elettrica, telefono e acqua (vengono usate cisterne d’acciaio sotto terra che vengono rifornite di continuo con acqua e da 2 gruppi elettrogeni per la corrente elettrica). Il rifugio serve le pietanze e le bevande in piatti e bicchieri usa e getta biodegradabili per non creare danni all’ambiente. C’è anche un servizio igienico per disabili. La struttura per ora non ha ancora a disposizione camere per il pernottamento.

Contatti

 

Nella nostra sezione dedicata alle passeggiate trovate tante altre idee per semplici trekking in Veneto con i bambini (ma anche senza).

Autore: Chiara Feriotto

Chiara, con Alessandro, Filippo, Eleonora e Jack sono "The Travelling Golden Family"  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*